Passeggiando

ad Alta Quota

10 CONSIGLI PER IL TREKKING

 

A settembre il tempo permette ancora facili

escursioni sui monti. Ecco qualche suggerimento:

TESTO DI MARCARELLI

 

 

1. Valutazione Itinerario

Non sottovalutate l'impegno:

scegliete un itinerario adatto

alla vostra preparazione e calcolate il tempo di percorrenza per evitare sorprese.

6. In Salita

 In salita, accorciate

la lunghezza del passo,

farete meno fatica nei tratti

di maggiore pendenza.

2. Tempo Meteo

Se il tempo è brutto, meglio

rinunciare all'escursione.

Potete sempre tornarci un'altra

volta, la montagna non scappa.

7. Flora

Vi piacciono i fiori?

Allora lasciateli stare.

Sono centinaia le specie di fiori d'alta quota in via di estinzione, quindi meglio lasciarli dove sono.

3. Abbigliamento

 Le scarpe da trekking sono

fondamentali.

Inoltre vestitevi a strati: anche se alla partenza fa caldo, in quota la temperatura potrebbe abbassarsi in modo considerevole.

8. Soste in Quota

 Se non siete abituati alla quota, anche non eccessiva

(2-3.000 metri), fermatevi spesso durante la salita per riposarvi qualche minuto.

4. Acqua e Cibo

 Portate sempre con voi dell'acqua, potreste non

trovarne per ore durante l'ascesa. Anche panini e snack vanno bene,

purché con pochi grassi.

9. Arrivo in Rifugio

 Spesso i rifugi di montagna offrono piatti genuini e ottime grappe. Anche se dopo tanta fatica pensate di meritarvelo, non

esagerate. La discesa è meglio affrontarla da sobri e senza “pesi" sullo stomaco…

5. Orario Partenza

 Non partite troppo tardi,

cosi eviterete di camminare

nelle ore più calde.

Prima di mettervi in cammino,

una colazione abbondante vi darà le energie necessarie.

10. La Discesa

La discesa è più facile solo in apparenza: le sollecitazioni a tendini e muscoli sono maggiori rispetto alla salita.

Quindi, prendetevela comoda.